4 febbraio 2016

Gli splendori della Sicilia in bella mostra nel Regno Unito

Il fascino dell’Italia, con la sua arte e cultura, continua innegabilmente a fare proselitismo all'estero. Tanti sono stati finora i tributi al nostro Paese e molti altri sono, o saranno, in cantiere al di fuori dei confini attinenti alla penisola. Uno di questi riguarda il Meridione italiano, spesso trascurato a livello nazionale ma fortunatamente valorizzato altrove. E’ infatti in dirittura d’arrivo, per il mese di aprile, la mostra Sicily: culture and conquest dedicata, com’è facilmente intuibile, alla regione siciliana e alla sua cultura.

Location d’eccezione sarà il British Museum di Londra dove a catturare l’attenzione saranno 200 oggetti, molti dei quali sconosciuti Oltremanica, a testimonianza della ricca storia della Sicilia fatta di conquiste e di insediamenti da parte dei vari popoli per oltre 4mila anni.


Il periodo preso in considerazione, nell’ambito dell’esposizione, è quello posteriore al VII secolo a.C., la cosiddetta Età dell’oro quando fenici, greci, romani, bizantini, arabi e normanni si insediarono o invasero l’isola, definita - come è emerso da una nota dello stesso British Museum - l’isola più grande del Mediterraneo, un centro culturale del mondo antico e medievale, attratti com’erano dalle sue terre fertili nonché dalla sua posizione strategica. Una serie di conquiste che hanno inevitabilmente portato la Sicilia alla costruzione di una identità culturale differenziata da qualunque altra.

Tra gli oggetti in mostra il mosaico della Vergine Maria risalente al XII secolo, situato nella cattedrale di Palermo, la testa in terracotta di Gorgone, ritrovata a Gela, un busto di marmo di Federico II,  sculture che saranno portate a Londra dalla Sicilia e che saranno unite ad altri oggetti che fanno già parte dell’esposizione permanente del British Museum, mentre altre opere sono state richieste ad altri musei in tutto il mondo, come un falcone di bronzo che si trova al MoMa di New York, e una mappa commissionata da re Ruggero al cartografo islamico Al-Idrisi, custodita ad Oxford.


La rassegna, che partirà il 21 aprile per concludersi il 14 agosto 2016, è stata presentata sui social, soprattutto Twitter, dove la si può seguire tramite l’hashtag #SicilyExhibition. Ad arricchire la manifestazione, hanno sottolineato gli stessi organizzatori, numerosi eventi a tema come corsi di cucina e concerti di musica tipica siciliana, indubbiamente dei settori dai quali emergono in modo netto le influenze dei popoli che hanno plasmato ed arricchito la terra dell’Etna permettendole, come spiegato dagli esperti britannici,  una straordinaria fioritura culturale e artistica.





Sicily: culture and conquest, 21 aprile - 14 agosto 2016, British Museum - Great Russell Street, London WC1B 3DG, United Kingdom. Per maggiori informazioni: http://www.britishmuseumshoponline.org/booking/invt/mexsicily#book-now
febbraio 04, 2016 / di / 0 Comments

Nessun commento:

Posta un commento